Logo
LogoHomePer i professionistiChi è Wefight?
Italia
Italiano
Visualizzare tutti gli articoli

Come vivere meglio il Blue Monday, il giorno più triste dell’anno

CONSIGLIO
Vik Dermatite Atopica è vicino ai pazienti

Da: Vik

11 mesi fa

Ma teniamo presente che la nostra vita si fonda su ciò che crediamo! Se crediamo che questo giorno debba essere un brutto giorno, allora è probabile che lo sia davvero: questo è il principio della profezia che si autoavvera. In psicologia, è chiamato "bias di conferma", cioè, per risparmiare energia negli eventi della giornata, il vostro cervello nota solo quelli che già si aspettava.

Sapendolo, ecco alcuni consigli per rendere questo giorno forse il migliore dell'anno, chissà. ;)

Cominciate a schiarirvi le idee

Sapendo che il nostro cervello controlla il fatto che "vedo solo ciò che credo", l'ideale è evitare di proiettare credenze negative su ciò che vi aspetta nella giornata. Poiché questo a volte è difficile da fare, un'altra soluzione è cercare di rifocalizzarsi sul presente, pensando il meno possibile al futuro. Potete farlo attraverso tecniche come la meditazione o l'autoipnosi, che vi permettono di domare la vostra mente e prenderne il controllo. Questo vi permetterà di non bloccarvi su tutti gli scenari che potrebbero affliggere la vostra giornata quando sono solo "film", "finzioni" e come tali potrebbero non accadere mai. Montaigne disse: "Chi teme la sofferenza, soffre di ciò che teme".

Immergete la vostra mente nel "flusso".

Il flusso è uno stato mentale del nostro cervello che ha la particolarità di dare molto piacere e gioia e che monopolizza tutta la nostra attenzione. Il flusso può essere raggiunto, per esempio, quando si dipinge un quadro senza prestare attenzione a tutto ciò che ci circonda, senza preoccuparsi del passato o del futuro. Può succedere anche quando state colorando un mandala e vi piace così tanto che sentite che non esiste più nulla intorno a voi. Questo stato può anche essere raggiunto per esempio quando si fa sport e si è al 100% in quello che si sta facendo, senza alcun obiettivo particolare, senza cercare di superarsi. Il flusso è quando siete totalmente assorbiti in un'attività che vi dà piacere. Nel flusso le emozioni non sono solo contenute e incanalate, ma in piena coordinazione con il compito da svolgere. La caratteristica distintiva del flusso è una sensazione spontanea di gioia, persino di estasi, durante un'attività. Da un punto di vista cerebrale e neurologico, si è scoperto che il flusso tende a portare il cervello, che spesso è surriscaldato a causa dei nostri pensieri sparsi e del fatto che cerchiamo di fare diverse cose allo stesso tempo, in uno stato di armonizzazione funzionale.

Godete dei benefici della musica

Oggi sappiamo scientificamente che la musica è capace di calmare le nostre paure, stimolare la nostra memoria, modificare positivamente il nostro stato d'animo o anche promuovere uno stato di concentrazione. Il neurologo Pierre Lemarquis spiega addirittura che "la musica scolpisce e accarezza il nostro cervello". Il semplice fatto di ascoltare musica fa sì che il cervello rilasci ormoni che promuovono il piacere e il benessere: dopamina (l'ormone del piacere), serotonina (nota per le sue proprietà antidepressive) e ossitocina (l'ormone dell'amore). Nelle neuroscienze gli scienziati chiamano questo trio il "circuito della ricompensa". Quindi, se potete, non esitate a fare una o più pause musicali durante la giornata, curatevi ascoltando ciò che vi piace. Secondo il professor Lejoyeux, psichiatra, non c'è scelta migliore per farvi del bene della Sonata Kochel 448 di Mozart. A ciascuno il suo! Visto che è il Blue Monday, ti consiglio la canzone "Blue Monday" dei New Order. È un po' datata ma non ha età! E, personalmente, spesso mi dà una spinta. :)

Tutti gli articoli

CONSIGLIO

Un giorno nella pelle di un paziente

Un giorno nella pelle di un paziente

La quotidianità di un paziente non è facile. Le sfide che dobbiamo affrontare sono dovute all'impatto della malattia, che non è sempre facile da gestire. Sono Camille, una paziente affetta da dermatite atopica, e in questo nuovo articolo ti racconto una mia tipica giornata.

CONSIGLIO

Mamma e paziente: 4 consigli per fare attività fisica e godersi la vita in famiglia

Mamma e paziente: 4 consigli per fare attività fisica e godersi la vita in famiglia

Se sei mamma e, come me, sei affetta da una malattia cronica, so che spesso puoi sentirti stanca e sopraffatta dalla vita familiare e da tutto il resto. In questo articolo ti do tutti i miei consigli per aiutarti a gestire al meglio la tua condizione!

CONSIGLIO

Come la mia condizione di salute mi ha reso più consapevole dal punto di vista ecologico

Come la mia condizione di salute mi ha reso più consapevole dal punto di vista ecologico

Conciliare la vita quotidiana da paziente con le proprie scelte ecologiche non è sempre facile. Questo sentimento può sfociare nel senso di colpa e persino nell'eco-ansia. Ma non devi sentirti colpevole! Ecco alcuni gesti quotidiani per trovare un equilibrio tra i tuoi valori e la tua salute!

CONSIGLIO

L’ansia non mi fa dormire

L’ansia non mi fa dormire

Quando è ora di andare a letto, a volte le ansie bussano alla porta e ti impediscono di dormire. Hai fatto di tutto per scacciarle? Scopri in questo articolo altri metodi per addormentarti più facilmente!

CONSIGLIO

Cosa aspettarsi quando si cambia di trattamento?

Cosa aspettarsi quando si cambia di trattamento

Cambiare terapia può essere un passo difficile per un paziente. Ecco alcuni consigli per aiutarti a superare questo periodo.

CONSIGLIO

Come gestire meglio la fatica grazie all'attività fisica

Come gestire meglio la fatica grazie all'attività fisica

La stanchezza è il sintomo più comunemente avvertito dai pazienti. Fortunatamente esistono diversi modi per convivere con essa in modo migliore: tra questi, un'attività fisica regolare e adeguata!