Logo
LogoHomePer i professionistiChi è Wefight?
Italia
Italiano
Visualizzare tutti gli articoli

Continuare a fare attività fisica anche quando fa caldo

CONSIGLIO
Vik Dermatite Atopica è vicino ai pazienti

Da: Vik

3 mesi fa

PRIMA DI INIZIARE

Prima di iniziare qualsiasi attività fisica, discutine con il tuo medico di famiglia o con un professionista sanitario, in modo che possa darti il via libera.

QUALE ATTIVITÀ SCEGLIERE?

A seconda di dove ti trovi quest'estate, avrai a disposizione una serie di attività possibili. Non dimenticarti che in questo periodo dell’anno le temperature possono essere molto alte; quindi, ti consiglio di scegliere delle attività meno intense. Per esempio, camminare, andare in bicicletta, fare esercizi in piscina o al mare, fare yoga sulla spiaggia... L'importante è continuare a rinforzare la propria massa muscolare e migliorare o mantenere le proprie capacità cardiorespiratorie.

COME NON CORRERE RISCHI CON IL CALDO

➡️ Ricordati di restare ben idratato

Questa è la regola numero uno quando fa caldo, bisogna idratarsi! Una buona idratazione è importante infatti aiuta a regolare la temperatura corporea. Quando fa caldo, si possono perdere fino a 2,5 litri di liquidi corporei all'ora. Se si perde acqua, si perde anche sale. Bisogna bere spesso e anche se non si ha sete per evitare la disidratazione dovuta all’aumento della temperatura corporea.

➡️ Scegli il momento giusto per fare sport

Evita le ore in cui il sole è più intenso, cioè tra mezzogiorno e le 16.00. Prediligi le ore mattutine o la sera prima del tramonto per svolgere la tua attività sportiva.

Sappi che esistono dei farmaci fotosensibilizzanti ossia che rendono la pelle di chi li assume più sensibile all’azione del sole, quindi, se prendi dei farmaci, parlarne con il tuo medico prima di esporti al sole.

➡️ Indossa abiti di colore chiaro

I vestiti chiari avranno un effetto di riverbero del calore verso l'esterno. Viceversa, logicamente, il nero attira il calore e favorisce la sudorazione.

➡️ Rispetta i tuoi limiti

Quando il corpo raggiunge una temperatura di 41 gradi, ogni sforzo fisico diventa impossibile perché il calore influisce sul corretto funzionamento dei muscoli. Questo meccanismo può condurre a un "colpo di calore", che è un sintomo che va oltre il colpo di sole.

In conclusione, evita di fare sforzi fisici intensi al sole o quando fa molto caldo. La cosa più sensata da fare è aspettare che la temperatura scenda. Prenditi cura di te: divertiti praticando gli sport che più ti appassionano, ma sii responsabile e ascolta il tuo corpo!

Buona estate!

Tutti gli articoli

CONSIGLIO

L’ansia non mi fa dormire

L’ansia non mi fa dormire

Quando è ora di andare a letto, a volte le ansie bussano alla porta e ti impediscono di dormire. Hai fatto di tutto per scacciarle? Scopri in questo articolo altri metodi per addormentarti più facilmente!

CONSIGLIO

Cosa aspettarsi quando si cambia di trattamento?

Cosa aspettarsi quando si cambia di trattamento

Cambiare terapia può essere un passo difficile per un paziente. Ecco alcuni consigli per aiutarti a superare questo periodo.

CONSIGLIO

Come gestire meglio la fatica grazie all'attività fisica

Come gestire meglio la fatica grazie all'attività fisica

La stanchezza è il sintomo più comunemente avvertito dai pazienti. Fortunatamente esistono diversi modi per convivere con essa in modo migliore: tra questi, un'attività fisica regolare e adeguata! 

CONSIGLIO

Come continuare a divertirsi nonostante la malattia?

Come continuare a divertirsi nonostante la malattia?

In questo articolo condivido con te sei preziosi consigli per continuare a divertirsi nonostante la malattia e il dolore! Pronto?

CONSIGLIO

Eczema: 7 consigli per viverlo meglio

Eczema: 7 consigli per viverlo meglio

Convivere con l'eczema può essere complicato, ma esistono delle soluzioni. Ecco 7 semplici consigli per vivere meglio!

CONSIGLIO

5 cose che non sapevi su Vik!

Vik répond à tes questions sur ta pathologie 24h/7j grâce à l'intelligence artificielle

Sapevi che Vik è un'intelligenza artificiale che lavora con professionisti sanitari e pazienti?