Logo
LogoHomePer i professionistiChi è Wefight?
Italia
Italiano
Visualizzare tutti gli articoli

L'autostima è la chiave per una sessualità soddisfacente

CONSIGLIO
Vik Dermatite Atopica è vicino ai pazienti

Da: Vik

11 mesi fa

Sembra che, sia nelle donne che negli uomini, con un'autostima positiva l'attività sessuale sia spesso più soddisfacente, più frequente e meno passiva. Quel che intendo per meno passiva è meno 'sofferta'. Infatti, quando l'autostima è positiva il desiderio sessuale, la ricerca del piacere sessuale, è più sviluppato. 

Se guardiamo la letteratura scientifica, gli studi sul rapporto tra autostima e sessualità mostrano che un’autostima negativa è associata ad un tasso più alto di comportamenti sessuali rischiosi, ad insoddisfazione sessuale, a disturbi sessuali sia nelle donne che negli uomini e a gravidanze indesiderate nelle donne. Al contrario, un’autostima positiva è associata a un maggiore desiderio sessuale e ad una maggiore soddisfazione sessuale complessiva.

Sappiamo che qualsiasi problema di salute può sconvolgere l'autostima  e che questo rischio è possibile anche in una persona con un'autostima positiva prima della malattia. Ma come si può migliorare la situazione? Ecco alcuni consigli.

1) Porre dei limiti quando la situazione non vi soddisfa!

So che può sembrare difficile, ma dovete cercare di smettere di dire sì a tutto quando vi sentite sovraccarichi, stanchi, turbati o altro. Dovete sapere come dire "STOP" ai comportamenti che vi turbano. Essere assertivi è semplicemente proporre ciò che è giusto e buono per voi.

Questo si può imparare! È un aggiustamento da fare tra ciò che si sente e ciò che sta accadendo. In una relazione, bisogna avere il coraggio di dire quello che vi succede e verificare quello che succede all'altra persona.

L'autostima ha due aspetti importanti.

Da un punto di vista psicologico: 

l'immagine che abbiamo di noi stessi e ciò che immaginiamo che gli altri pensino di noi. C'è da fare un lavoro di coscientizzazione. A seconda della propria storia, delle proprie esperienze, della propria vita, si può stabilire un'autostima negativa e questa può essere accentuata dall'esperienza di una malattia cronica. Queste esperienze costruiranno un'immagine negativa di sé. Tutto ciò può trattenervi, bloccarvi. Queste rappresentazioni guidano i vostri pensieri, il vostro comportamento e le vostre reazioni - adattamenti alle situazioni della vita quotidiana e della vostra sessualità. 

Dal punto di vista del corpo:

il nostro corpo è un eccellente indicatore di come vi sentite e di come vedete il vostro ambiente. Il nostro corpo sente e sa cosa è giusto e buono per lui e quindi per noi, ci parla dei suoi bisogni e delle sue paure. Ecco perché è importante ascoltarlo e rispondere ai suoi bisogni. 

Per fare questo è importante:

2) Essere gentile con voi stessi

Non lasciate che le vostre emozioni negative, indotte dalla malattia e/o dalle terapie, alterino la vostra visione di voi stessi. Vi consiglio di ascoltarvi e di mettere in discussione i vostri desideri. Scegliete attività il cui obiettivo sia il piacere.

3) Un tocco sensuale, da solo o con il vostro partner

È importante riscoprire il piacere con il proprio corpo, che può essere danneggiato dalla malattia e dalle terapie. L'automassaggio, concentrandosi sulle proprie sensazioni piacevoli, o un massaggio da parte del partner, guidandolo a provare il massimo piacere dal contatto fisico, è un buon modo di procedere. Più sensazioni positive vi invia il vostro corpo e più alta sarà la vostra autostima fisica. L'autostima fisica è parte integrante dell'autostima. Non si dovrebbe davvero negare il proprio corpo, soprattutto nella sessualità, dove esso è centrale. Più il nostro corpo prova piacere, più la nostra mente prova piacere, si calma e cerca sensazioni piacevoli. 

4) Mediazioni corporee

Le mediazioni corporee (rilassamento, sofrologia, attività fisica, ecc.) permettono un miglioramento della visione che abbiamo di noi stessi! Attraverso il corpo miglioriamo la nostra mente e quindi la nostra autostima. 

In breve, un'autostima positiva ci permette di avere una sessualità positiva! La malattia può avere un impatto negativo sull'autostima, ma le soluzioni ci sono ed il lavoro psicologico e/o corporeo è sicuramente la soluzione per migliorare l'immagine di se stessi. Non è così semplice, ma con l'aiuto si può trovare o ritrovare un'autostima positiva. Credete in voi stessi, avete tutte le risorse necessarie per fare questo lavoro e muovervi verso un migliore benessere sessuale e globale.

Sébastien Landry

Psico-sessuologo

Tutti gli articoli

CONSIGLIO

Il bilancio del mio 2022 con la dermatite atopica

Il bilancio del mio 2022 con la dermatite atopica

Il 2022 è stato un altro annovissuto in compagnia del mioeczema. Un altro anno in cui vedo il suo impatto sulla mia vita quotidiana, sulla mia personalità, sulle mie scelte di vita. Sono molto meno avventurosa di prima, anticipo tutto e sono molto più timorosa.

CONSIGLIO

L'inverno influisce sulla sessualità: ecco delle soluzioni per porvi rimedio!

Perdita del desiderio sessuale, stanchezza, disturbi dell'umore sono tutti segnali che si manifestano durante il periodo invernale, momento in cui la luce naturale diminuisce. Scopri i consigli di Sebastien Landry per rimediare a questo problema.

CONSIGLIO

Un giorno nella pelle di un paziente

Un giorno nella pelle di un paziente

La quotidianità di un paziente non è facile. Le sfide che dobbiamo affrontare sono dovute all'impatto della malattia, che non è sempre facile da gestire. Sono Camille, una paziente affetta da dermatite atopica, e in questo nuovo articolo ti racconto una mia tipica giornata.

CONSIGLIO

Mamma e paziente: 4 consigli per fare attività fisica e godersi la vita in famiglia

Mamma e paziente: 4 consigli per fare attività fisica e godersi la vita in famiglia

Se sei mamma e, come me, sei affetta da una malattia cronica, so che spesso puoi sentirti stanca e sopraffatta dalla vita familiare e da tutto il resto. In questo articolo ti do tutti i miei consigli per aiutarti a gestire al meglio la tua condizione!

CONSIGLIO

Come la mia condizione di salute mi ha reso più consapevole dal punto di vista ecologico

Come la mia condizione di salute mi ha reso più consapevole dal punto di vista ecologico

Conciliare la vita quotidiana da paziente con le proprie scelte ecologiche non è sempre facile. Questo sentimento può sfociare nel senso di colpa e persino nell'eco-ansia. Ma non devi sentirti colpevole! Ecco alcuni gesti quotidiani per trovare un equilibrio tra i tuoi valori e la tua salute!

CONSIGLIO

L’ansia non mi fa dormire

L’ansia non mi fa dormire

Quando è ora di andare a letto, a volte le ansie bussano alla porta e ti impediscono di dormire. Hai fatto di tutto per scacciarle? Scopri in questo articolo altri metodi per addormentarti più facilmente!